Disinformazione, il caos dei nuovi media non regolamentati

La delega della lotta alla disinformazione (social) ad un attore privato non garantisce il pluralismo informativo e, anzi, aumenta il rischio della censura a nocumento di agenti non appartenenti ai media tradizionali. Ecco perché serve accelerare sulla regolamentazione per evitare ulteriori fenomeni distorsivi

pdf-file.png

Article (PDF File – 390 Kb)

Condividi questo post sui tuoi social:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su whatsapp
WhatsApp